Diaman Blog

Nel blog di Diaman opinioni a confronto sui temi della finanza nazionale ed internazionale.

Analizziamo la strategia Constant-Mix

Analizziamo la strategia Constant-Mix

Vi è mai capitato di dare per scontato alcune considerazioni, salvo rendervi conto che erano sbagliate una volta che avete approfondito il tema studiando a fondo invece di presumere?

A me è purtroppo capitato spesso: per esempio quando consideravo l'indice di Sharpe un ottimo indicatore di efficienza per valutare i fondi comuni; è un buon indicatore ma per utilizzarlo bene occorre conoscerne bene anche i difetti, e credetemi ne ha, come ho scritto nei paper Sharpe Ratio: i 4 difetti principali - parte 1 e Sharpe Ratio: i 4 difetti principali - parte 2.

Mi è capitato di nuovo di recente.

Continua a leggere
2507 Visite
0 Commenti

La storia dell'asset allocation di portafoglio

La storia dell'asset allocation di portafoglio

Se volete conoscere l'evoluzione dei modelli di creazione dei portafogli di investimento venite al Salone del Risparmio il giorno 6 Aprile e alle ore 13.30 potrete avere molte informazioni sulla storia degli investimenti da Markowitz a Bertelli, ovvero dalla Portfolio Selection alla Return Parity.

Provocatoriamente ho messo una foto del 1952 del primo computer sviluppato nelle sale della Institute of Advanced Study di Priceton, dove viene ritratto John Von Neumann.

Continua a leggere
2112 Visite
0 Commenti

Auguri di Pasqua e pace

Auguri di Pasqua e pace

La colomba è il simbolo della Pasqua, ma è anche il simbolo della pace.

Quest'anno, alla luce degli ultimi avvenimenti, assume un significato ancora più particolare.

Non esiste un motivo al mondo per cui noi uomini mortali, piccole formiche tra miliardi che popoliamo un formicaio meraviglioso chiamato terra, possiamo arrogarci il diritto di fare del male ad altri uomini.

Non c'è religione che lo professi, non c'è motivo che lo giustifichi, non c'è scusante che permetta di accettare certi comportamenti.

Se ognuno di noi fa un piccolo gesto di pace e benevolenza verso gli altri, se ognuno contribuisce a mantenere alti i valori fondanti del nostro vivere civile, con l'esempio, possiamo vincere qualsiasi battaglia che è ideologica solo per convenienza economica e non per credo religioso.

...
Recente commento in questo post
Ospite — Carlo Antonello
Per un futuro in solidarietà benevolenza e pace si potrebbero approfondire i valori del progetto Marketing globale Tu-pay-Valazco
Lunedì, 28 Marzo 2016 20:48
Continua a leggere
1261 Visite
1 Commento

Investors' Tour a Torino- prima tappa - un successo

Investors' Tour a Torino- prima tappa - un successo

Che sarebbe stato un successo era tutt'altro che scontato.

Un nuovo format, un nuovo tour itinerante in 5 tappe per l'Italia, una città lontana diametralmente opposta geograficamente alla nostra sede a Venezia, insomma siamo stati coraggiosi ma la rispondenza delle persone ha dimostrato che invece la qualità e l'indipendenza pagano.

105 partecipanti, 10 relatori diversi, abbiamo dato spazio alla più grande banca italiana, come alla più radicata nel territorio come la BCC di Cherasco, all'opinione di consulenti indipendenti e intermediari finanziari autorizzati, tutto nell'ottica di dare contenuti interessanti, innovativi e spunti per i partecipanti con la trasparenza e indipendenza che contraddistingue la rivista INVESTORS'.

Vorrei riportare alcuni dei contenuti più interessanti visti ieri (non me ne vogliano chi non cito, ma altrimenti la trattazione sarebbe troppo lunga):

b2ap3_thumbnail_parmentola.jpgSalvatore Parmentola

...
Continua a leggere
1493 Visite
0 Commenti

Soft Skill contro Hard Skill

Soft Skill contro Hard Skill

Un imprenditore illuminato un giorno mi ha detto: "noi investiamo moltissimo sulla formazione dei nostri dipendenti" al che ho risposto: "ma non hai paura che vadano via?" e lui ha replicato "è meglio investire sui dipendenti perché crescano con il rischio che poi un giorno vadano via, piuttosto che tenerli somari e rischiare che restino"

Questa società è passata da 8 milioni di fatturato a 80 milioni in 5 anni.

Essere un esperto nel proprio lavoro è una Hard Skill.

Conoscere i mercati finanziari, come si comportano, come sono fatti i fondi comuni, il meccanismo di funzionamento, i costi, i regolamenti sono Hard Skill.

 

...
Continua a leggere
2341 Visite
0 Commenti

Hai voglia di fare un investors' tour?

Hai voglia di fare un investors' tour?

Si viaggiare.

diceva una canzone del compianto Lucio Battisti scritta nel 1977 (vent'anni dopo comunque il paper di Markowitz...)

La vita è un viaggio. come diceva Einstein la logica ti porta da A fino a B, parti da un punto per arrivare ad un altro.

Il tuo punto di arrivo dov'é?

Ti sei mai fermato un'attimo a pensare dove vorresti arrivare?

...
Commenti recenti
Ospite — giuliano
spero che registriate gli interventi e li mettiate sul web a disposizione degli interessati grazie
Sabato, 05 Marzo 2016 13:14
Daniele Bernardi
Caro Giuliano, ci proveremo, è un'idea ma non possiamo garantire. Meglio partecipare di persona... A presto DB
Sabato, 05 Marzo 2016 19:14
Ospite — giuliano
L'affermazione dell' Ing. Fabbri è molto forte : non si potrebbe avere la registrazione (scritta o audio) del suo intervento ?
Domenica, 20 Marzo 2016 11:39
Continua a leggere
2582 Visite
6 Commenti

Quando la cultura incontra l'innovazione

Quando la cultura incontra l'innovazione

E' appena finito il QUANT2016, l'undicesima edizione dell'evento maggiore in Italia e probabilmente in Europa sulle strategie di investimento nell'Asset Allocation.

Ormai le metodologie quantitative sono utilizzate da tutti, a differenti livelli ovvio, ma chiunque deve effettuare delle scelte di investimento inevitabilmente usa degli strumenti quantitativi per aiutarsi nella scelta.

Banalmente chi usa indicatori come Volatilità, Sharpe Ratio, Beta, Alpha, Sortino, DIAMAN Ratio, ecc... utilizza degli strumenti quantitativi.

Nel momento in cui chiunque crea una tabella con una lista di fondi che mette in ordine per qualche indicatore, effettua un ranking.

Quindi siamo tutti quantitativi!

...
Commenti recenti
Ospite — Fiorenzo Robbiani
Condivido l'opinione di Marco!
Sabato, 27 Febbraio 2016 22:56
Ospite — Marco
Certamente la "vecchia" location era più affascinante e suggestiva ma era pure più "dispersiva" nella zona dedicata alle varie pre... Leggi tutto
Sabato, 27 Febbraio 2016 21:54
Francesco Canella
Grazie Marco, terremo conto della tua opinione, continua a seguirci
Sabato, 27 Febbraio 2016 22:10
Continua a leggere
1695 Visite
3 Commenti

Paper del mese

Paper del mese

 

Il campionato dei fondi comuni: il rischio assunto dai gestori dipende dalla classifica

Ci troviamo ad inizio anno e nel mondo dei fondi comuni d’investimento è scattata la ricerca del miglior fondo 2015.

Investitori e gestori danno un’attenzione particolare alle classifiche per scoprire come si sono comportati i fondi in termini di crescita delle masse in gestione e in termini di performance realizzate nell’anno appena terminato. Si guarda non solo alle classifiche globali ma anche alle classifiche di macro e micro categoria.

Abbiamo pertanto scelto di parlare questo mese di uno studio del 2003 dal titolo: “Mutual fund tournament: risk taking incentives induced by ranking objectives”, di Alexei Goriaev, Frédéric Paolomino e Andrea Prat. Vi presentiamo un breve riassunto che fornisca le principali caratteristiche invitando a leggere il paper originale per verifica e approfondimento.

...
Continua a leggere
1761 Visite
0 Commenti

20 giorni al QUANT

20 giorni al QUANT

Quanto investi per la tua crescita professionale?

Dopo gli investimenti per te stesso e la crescita personale, la propria cultura e la professionalità sono le due cose a cui dedicare tempo e denaro è importantissimo.

Sei sicuro di essere aggiornato su tutto?

Il mondo cambia e si sviluppa ad un ritmo quasi insostenibile, la ricerca e le novità anche in campo finanziario sono veramente quasi infinite e fermarsi significa rimanere indietro.

Tu vuoi fermarti?

...
Continua a leggere
1829 Visite
0 Commenti

Che fine hanno fatto i fondi 130/30?

Che fine hanno fatto i fondi 130/30?

Conoscete la strategia 130/30 tanto in voga nei primi anni del secolo?

La strategia 130/30 e 150/50 è stata creata da una società di Advisory Californiana che deve il suo successo a questa logica di investimento che prometteva una over performance rispetto alle strategie Long Only.

Pensate che Merrill Lynch, aveva pronosticato che tale strategia avrebbe potuto raccogliere 1.000 miliardi di dollari entro il 2012.

b2ap3_thumbnail_Screenshot-2016-01-23-21.21.35.png

 

Nella realtà il massimo degli asset investiti in america su questa strategia è stato il 2008, con circa 40 Miliardi di Dollari, comunque una dimensione più che dignitosa.

Come funziona la strategia 130/10?

Continua a leggere
2725 Visite
0 Commenti

La felicità è una questione di scelta

La felicità è una questione di scelta

Prendo a prestito il titolo dell'articolo uscito su INVESTORS' scritto dall'amico Ruggero Bertelli.

Nella vita di tutti i giorni, siamo chiamati a prendere decisioni in condizioni di incertezza, "è la scuola giusta per il figlio?", "è la moglie giusta per me?", sto scegliendo il lavoro migliore?", ecc...

Sempre nella vita non è possibile ex post verificare come sarebbe andata la nostra vita se avessimo compiuto una scelta diversa, non è possibile se abbiamo scelto un lavoro da dipendente, sapere come sarebbe andata se avessimo fatto gli imprenditori; abbiamo fatto quella scelta e ne subiamo le conseguenze, positive o negative che siano.

Gli investimenti finanziari invece, sono un settore, forse unico al mondo, dove è possibile simulare migliaia di volte il passato, per vedere quale soluzione ottimale si sarebbe potuta ottenere, scegliendo un titolo od un fondo diverso da quello che avevamo scelto in passato potendo osservare gli impatti che quella scelta avrebbe prodotto.

Continua a leggere
3320 Visite
0 Commenti

Il peggior inizio anno di sempre

Il peggior inizio anno di sempre

Mai l'indice americano di Borsa, il famoso S&P500 che raggruppa le migliori 500 aziende americane quotate, è partito così male ad inizio anno.

Da quando viene calcolato infatti non era mai successo che nei primi giorni di quotazione perdesse così tanto valore, ma come sanno bene gli statistici, i record sono fatti per essere battuti, purtroppo sia in positivo che in negativo.

b2ap3_thumbnail_partenze_20160109-161031_1.png

 

L'unico anno simile nell'epoca recente a perdere molto nei primi giorni di quotazione è stato il 2008, anno funesto per le borse di tutto il mondo che è ancora vivo nel ricordo di tutti i professionisti che lavorano in finanza da più di 8 anni.

Anche il 2008 era un anno bisestile, e dalle nostre parti c'è un detto che dice:

Continua a leggere
2449 Visite
0 Commenti

Obbligazioni subordinate, che pasticcio!

Obbligazioni subordinate, che pasticcio!

Sicuramente attirerò molti pareri contrari a quello che sto per dire.

E' profondamente sbagliato restituire i soldi agli investitori che hanno comprato delle obbligazioni subordinate e li hanno persi.

Contraddice il principio di chi sbaglia paga, un valore che stiamo perdendo e che invece è un punto cardine del vivere coerentemente tra le persone.

Mi dispiace molto per la persona che si è suicidata a causa dei soldi, è un dramma e non va dimenticato, però è un indicatore di quanto i soldi possano condizionare un'esistenza e quanto possano manipolare le nostre menti.

Sicuramente non avere più 100.000 euro è un brutto colpo, ma se li aveva accumulati negli anni, è perché non li aveva usati, e quindi non gli erano serviti per vivere, e quindi anche se con molto dispiacere di non averli più poteva continuare a vivere lo stesso.

Commenti recenti
Daniele Bernardi
Grazie del commento Valerio, educare gli investitori alla cultura della diversificazione del rischio ed alla sua valutazione è un ... Leggi tutto
Sabato, 19 Dicembre 2015 18:03
Ospite — Valerio
Concordo in pieno Daniele. ..anzi al 1000 per mille...ciò detto, è già qualcosa che in Italia è stato fatto passare il principio c... Leggi tutto
Sabato, 19 Dicembre 2015 10:43
Daniele Bernardi
Gentile Francesco, acquistare una obbligazione subordinata allo sportello non può esimere dal rischio che essa comporta. A me spia... Leggi tutto
Sabato, 19 Dicembre 2015 18:09
Continua a leggere
2118 Visite
10 Commenti

Il meglio di 2Pay Attention

Il meglio di 2Pay Attention

Con 2Pay abbiamo creato un blog culturale sull'innovazione chiamato 2Pay Attention, con lo scopo di analizzare e riportare tutte le novità di rilievo che stanno cambiano il nostro modo di vivere e concepire la convivenza comune.

Ritenendo questa l'iniziativa con scopi divulgativi meritevole di massima diffusione ho voluto riassumere gli ultimi post che sono stati scritti da giornalisti professionisti per tenerci sempre aggiornati, in modo che possiate approfondire gli argomenti che vi interessano.

Buona lettura.

DB

Uber sfida la metro di Roma, e lancia la Linea U per il Giubileo

Uber ci riprova, e riparte da Roma e dal Giubileo. Da oggi 10 dicembre fino al 24 dicembre 2015 il servizio di auto privata, divenuto simbolo della sharing economy, lancia la Linea U. Una sorta di metropolitana su strada a chiamata, disponibile dalle 8 alle 20 tutti i giorni, in una tratta con nove fermate ideata tramite un processo di crowdsourcing che ha visto collaborare 50 mila romani che hanno segnalato i luoghi meno coperti dal servizio di trasporto pubblico.

...
Continua a leggere
1369 Visite
0 Commenti

Tasse o non tasse - il dilemma della sharing economy

Tasse o non tasse - il dilemma della sharing economy

Questa settimana sono stato a Londra per partecipare sia con DIAMAN Tech che con 2Pay a unBOUND Digital, un evento molto bello che mette in connessione le grosse aziende con le start-up disruptive che ci sono in tutto il mondo.

Ho conosciuto Russi, Indiani, Inglesi e ovviamente molti italiani visto che la delegazione Startup Italia era la più numerosa tra gli stranieri.

Ma quello che più mi ha sconvolto è stato il terzo giorno, quando una associazione chiamata London Partner, senza fine di lucro ed istituita dal sindaco di Londra ci ha spiegato quali sono le agevolazioni per le start-up che decidono di insediarsi a Londra.

Continua a leggere
1666 Visite
0 Commenti

Investi in te stesso

Investi in te stesso

Quanti libri leggi all'anno?

Quante giornate all'anno dedichi alla tua formazione personale?

A quante conferenze di aggiornamento partecipi?

E quante di queste sono realmente indipendenti e non organizzate da società prodotto più per farti conoscere le loro iniziative che per insegnarti qualcosa di interessante?

Che percentuale di tempo dedichi a studiare e quanto a guardare passivamente come si muovono i mercati finanziari?

...
Commenti recenti
Ospite — Gurrieri Francesco
Ho già fatto l'abbonamento per il 2016 e speriamo che sarete in grado di mantenere le promesse: indipendenza e formazione professi... Leggi tutto
Sabato, 28 Novembre 2015 11:29
Daniele Bernardi
Grazie doppiamente Francesco, per il supporto che ci dai e per la fiducia che riponi sulla nostra iniziativa, faremo di tutto per ... Leggi tutto
Sabato, 28 Novembre 2015 20:25
Daniele Bernardi
Gentile Giuliano, confermo che la conoscenza è il primo asset che dobbiamo curare, in finanza più nozioni si acquisiscono meno err... Leggi tutto
Mercoledì, 02 Dicembre 2015 01:11
Continua a leggere
1805 Visite
4 Commenti

L'evoluzione della specie

L'evoluzione della specie

Aveva bisogno il mondo del risparmio gestito italiano dell'ennesima rivista finanziaria?

Ovviamente no, ce ne sono di tutti i tipi, di tutti i colori, di tutti i formati.

Ma se qualcuno volesse approfondire la propria cultura finanziaria, cosa dovrebbe leggere?

Alcuni libri, certo, sono fatti bene e possono spiegare i concetti e le tecniche per potersi muovere nel mondo del risparmio gestito abbastanza bene.

Commenti recenti
Ospite — giuliano galiardi
Buongiorno Ingegnere, scusi il disturbo ma la nuova edizione della rivista sarà acquistabile nelle edicole numero per numero ? gr... Leggi tutto
Domenica, 22 Novembre 2015 18:15
Ospite — Daniele Bernardi
Gentile Giuliano, per ora solo tramite abbonamento o via sito internet anche la singola copia www.investor-mag.it DB
Lunedì, 23 Novembre 2015 16:18
Continua a leggere
2487 Visite
2 Commenti

Tristezza

Tristezza

Quest'oggi l'umore è nero e la tristezza prevale su qualsiasi volontà di pubblicare qualcosa di interessante.

Mi scuso con chi legge settimanalmente il mio blog, ma oggi quello che è successo a Parigi mi scuote e delude profondamente.

Come può una qualsiasi religione del mondo portare al fanatismo le persone in questo modo?

La risposta è semplice, non è la religione, sono le persone che strumentalizzano la religione per portare dei poveri ragazzi a credere che quello che fanno ha senso.

Uccidere altre persone non ha senso, farlo barbaramente non può avere alcun senso, se non quello di sfruttare certi argomenti religiosi per ottenere i propri scopi, che ovviamente non sono religiosi...

...
Continua a leggere
1202 Visite
0 Commenti

DIAMAN index

DIAMAN index

Pochi sanno che dal 2009 DIAMAN ha lanciato quattro indici chiamati:

b2ap3_thumbnail_Screenshot-2015-11-07-10.05.09.png

Due indici sono passivi: Absolute Return Index (composto da fondi comuni e sicav), Global ETF Index (composto da ETF quotati alla borsa Italiana).

Due indici sono attivi: Artificial Intelligence Index (composto da fondi comuni e sicav), Active ETF Index (composto da ETF quotati alla borsa Italiana).

Continua a leggere
1698 Visite
0 Commenti

Cosa sono i Robo-Advisors?

Cosa sono i Robo-Advisors?

Mercoledì 28 novembre ASCOSIM ha organizzato una conferenza sui Robo-Advisor che mi ha visto partecipare in qualità di relatore alla tavola rotonda finale.

Cercherò di dare una definizione di Robo-Advisor per quanto anche all'interno della sala non c'era una vera uniformità di vedute sulla stessa: 

Robo-Advisor è un servizio di consulenza che prevede l'automatizzazione dei processi del servizio di consulenza finanziaria, che vanno dal marketing e l'acquisizione del cliente, alla valutazione di adeguatezza, per finire con i portafogli modello che vengono proposti al cliente.

Con sorpresa, (ma poi nemmeno tanta) si è evidenziato che i cosiddetti Millennials (ovvero coloro che sono nati dopo il 1990) rappresentano per ora solo il 3% del mercato di coloro che scelgono formule più o meno automatiche di erogazione dei servizi di investimento.

E' vero che questi millennials avranno bisogno di gestire i soldi tra 10 anni e non adesso, come è vero che questa fascia di età non intende andare in banca per alcun motivo, tantomeno per comprendere come effettuare i propri investimenti, ma quindi chi sono i clienti di tali servizi?

...
Continua a leggere
2600 Visite
0 Commenti