Miglioriamo insieme il mondo del risparmio gestito

Questo Blog ha lo scopo di alimentare un dibattito che ci auguriamo posso accrescere anche la nostra e la vostra cultura finanziaria, per colmare il gap che ci differenzia dal mondo anglosassone e per poi far prevalere la nostra creatività e genialità tipiche del popolo Italiano

Continuiamo con la frontiera inEfficiente

Continuiamo con la frontiera inEfficiente

Perché sostengo che l'ottimizzazione di un portafoglio per ottenere la frontiera efficiente è in realtà altamente inefficiente?

Tutti i parametri utilizzati per ottimizzare un portafoglio con Markowitz o con Black Litterman sono altamente variabili, a partire dai rendimenti, che notoriamente cambiano continuamente, alla volatilità che è tutt'altro che costante, per finire con la correlazione tra due strumenti, la cui volatilità è più che doppia rispetto ai rendimenti.

Ha senso secondo voi ottimizzare un portafoglio con parametri che cambiano con maggiore volatilità dei rendimenti che vorrei ottimizzare?

 

Nel grafico dell'immagine del post un esempio della correlazione rolling tra due mercati emergenti azionari, due asset class che dovrebbero essere  correlate, ed in effetti in alcuni momenti lo sono, ma la variabilità da 0,8 a -0,8 impone una seria riflessione sulla opportunità di usare un tale indicatore per ottimizzare un portafoglio, poiché essendo la volatilità della correlazione ancora più elevata delle serie storiche dei prezzi, il risultato è completamente diverso in base al momento storico in cui si analizza il dato, e questo si scontra con le logiche alla base dei modelli media/varianza.

Ulteriore problema della frontiera efficiente è che stima che i rendimenti passati siano replicabili in futuro, tendendo a prediligere scelte che hanno performato meglio di altre in passato, mentre la logica di mean-reverting dei mercati finanziari presuppone che un settore che ha sovraperformato gli altri, non possa continuare in eterno ad andare meglio, e quindi sceglierlo ex-post rischia di non essere la migliore idea ex-ante.

DB

Partiamo dalla Frontiera inEfficiente
La capacità previsiva EX-POST della Frontiera Effi...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

Commenti 3

 
Ospite - isauro cancellieri il Martedì, 29 Aprile 2014 08:37

Ciao
le critiche più importanti all'ottimizzazione basata sui primi due momenti della distribuzione (media/varianza) sono quelle che hai citato oltre che la poca diversificazione che, in generale, caratterizza portafogli sulla frontiera. La variabilità dei rendimenti attesi è l'elemento discriminante maggiore per i risultati dell'ottimizzazione.
Nonostante in questi anni ci siano stati numerosi tentativi per interpretare diversamente il problema dell'ottimizzazione (resampling/stimatori bayesiani/shrinkage/copule/ecc) l'industria dell'asset allocation rimane focalizzata sull'approccio di Markowitz. Solo alcuni rari operatori, soprattutto USA, stanno percorrendo strade diverse, per esempio applicando la Stochastic Portfolio Theory di Fernold.
Infine forse Markowitz rimane ancora l'unico modo "efficiente" in termini interpretativi, computazionali ed applicativi, per approcciare all'asset allocation. In sostanza il metodo smart e semplice per risolvere il problema.

Ciao le critiche più importanti all'ottimizzazione basata sui primi due momenti della distribuzione (media/varianza) sono quelle che hai citato oltre che la poca diversificazione che, in generale, caratterizza portafogli sulla frontiera. La variabilità dei rendimenti attesi è l'elemento discriminante maggiore per i risultati dell'ottimizzazione. Nonostante in questi anni ci siano stati numerosi tentativi per interpretare diversamente il problema dell'ottimizzazione (resampling/stimatori bayesiani/shrinkage/copule/ecc) l'industria dell'asset allocation rimane focalizzata sull'approccio di Markowitz. Solo alcuni rari operatori, soprattutto USA, stanno percorrendo strade diverse, per esempio applicando la Stochastic Portfolio Theory di Fernold. Infine forse Markowitz rimane ancora l'unico modo "efficiente" in termini interpretativi, computazionali ed applicativi, per approcciare all'asset allocation. In sostanza il metodo smart e semplice per risolvere il problema.
Daniele Bernardi il Martedì, 29 Aprile 2014 09:17

Ciao Isauro,
esistono modelli più efficienti che la media e varianza per comporre portafogli che ex-ante hanno migliori probabilità di crescita, se guarda i post sucessivi sl blog ne trova traccia e in futuro scriverò altri post.
Noi siamo una delle poche società in Italia ad adottare approcci nuovi e su cui stiamo scrivendo anche paper pubblicati (il prossimo sul wilmott magazine di maggio sul Diaman Ratio)
ci segua e si iscriva al nostro blog.
DB

Ciao Isauro, esistono modelli più efficienti che la media e varianza per comporre portafogli che ex-ante hanno migliori probabilità di crescita, se guarda i post sucessivi sl blog ne trova traccia e in futuro scriverò altri post. Noi siamo una delle poche società in Italia ad adottare approcci nuovi e su cui stiamo scrivendo anche paper pubblicati (il prossimo sul wilmott magazine di maggio sul Diaman Ratio) ci segua e si iscriva al nostro blog. DB
Ospite - un compagno di squadra il Lunedì, 19 Maggio 2014 19:32

hahah grande isauro che commenta!

Ciao :)

Linux

hahah grande isauro che commenta! Ciao :) Linux
Già registrato? Login qui
Ospite
Mercoledì, 21 Agosto 2019

Immagine Captcha