Miglioriamo insieme il mondo del risparmio gestito

Questo Blog ha lo scopo di alimentare un dibattito che ci auguriamo posso accrescere anche la nostra e la vostra cultura finanziaria, per colmare il gap che ci differenzia dal mondo anglosassone e per poi far prevalere la nostra creatività e genialità tipiche del popolo Italiano

Perché i mercati non possono essere considerati casuali

Perché i mercati non possono essere considerati casuali

Una delle argomentazioni di maggior diffusione per giustificare che i mercati finanziari possono essere considerati casuali è l'esempio delle scimmie: se si ipotizza che infinite scimmie ognuna di esse davanti ad una macchina da scrivere che premono i tasti a caso in un tempo infinito, sicuramente si può affermare statisticamente che una di essa scriverà prima o poi esattamente la divina commedia; mutuato sui mercati finanziari, l'andamento storico dello S&P500 può essere riprodotto esattamente da una delle infinite serie storiche casuali generate da un motore montecarlo con estrazione di rendimenti casuali.

 

A questa osservazione io rispondo che il fatto che una scimmia riesca a scrivere esattamente la divina commedia, non significa che la divina commedia sia un aggregato di lettere casuali che creano un capolavoro, è il frutto di ingegno ed intelletto straordinari, esattamente come l'andamento dell'indice S&P500 è irripetibile e generato da una sequenza di eventi che ne hanno determinato il risultato giorno dopo giorno.

Come già detto in post precedenti, provate a convincermi che l'11 settembre 2001 il mercato ha perso il 7% per pura coincidenza.

Inoltre possiamo scommetterci quante case volete, anche le vostre, che la scimmia che casualmente ha scritto la divina commedia, subito dopo non riuscirà a scrivere l'odissea di omero...

Perché calco la mano su questo punto? perché considerare l'andamento certamente aleatorio dei mercati finanziari come casuali è una truffa intellettuale, come sostiene Nassim Nicholas Taleb nel libro il cigno nero (che condivido al 90%, ma non chiedetemi quale 10% non condivido).

E' una truffa intellettuale perché devia l'attenzione da aspetti molto interessanti e caratteristiche strutturali dei mercati finanziari, soprattutto quelli azionari.

Chi da più anni lavora con i mercati azionari, non può non constatare l'esistenza di trend, più o meno solidi che caratterizzano l'andamento degli stessi; i trend sono facili da spiegare, sono dovuti a fenomeni di finanza comportamentale più che da logiche di prezzo; mi spiego meglio: poichè stimare il prezzo corretto di un titolo è molto difficile ed i modelli sono molti (e nessuno perfetto), il prezzo durante il tempo oscillerà attorno ad un prezzo medio in base ad altri fattori, che sono principalmente dovuti all'emotività, alle aspettative e alla percezione delle persone, più che alla razionalità dei modelli di stima, e questo diventa ancora più evidente ed eclatante sull'andamento degli indici, visto che incorporano le aspettative di crescita economica e le paure e le avidità tipiche dell'investitore.

Si generano quindi paure irrazionali o bolle speculative che portano a distorsioni anche notevoli della realtà e del prezzo reale di una o più aziende (per chi le sa leggere sono opportunità eccezionali).

Negli ultimi 14 anni si sono visti dei trend ecclatanti, da marzo 2000 a marzo 2003 un trend ribassista spaventoso che ha fatto tremare i mercati finanziari, da marzo 2003 a marzo 2007 un trend rialzista altrettanto poderoso che ha riportato gli indici vicini ai nuovi massimi, dal marzo 2007 al marzo 2009 un nuovo trend ribassista molto pesante e poi da marzo 2009 al marzo 2014 un altro trend eccezionale.

Qualcuno di voi penserà che adesso di nuovo ci sarà un nuovo trend ribassista, può darsi, nessuno può saperlo in anticipo, però ci sono buone tecniche per stimare l'esistenza dei trend e cavalcarli con l'obbiettivo di averne dei forti benefici, soprattutto in termini di minori perdite.

La prossima settimana riesumerò un vecchio studio realizzato per dimostrare empiricamente l'esistenza di trend sul mercato e per stimare per quanto tempo essi si manifestano sui mercati finanziari.

Intanto, se non lo avete già fatto, vi invito a registrarvi al blog per ricevere le informazioni quando viene postato un nuovo argomento.

Buon week end a tutti.

DB

DIAMAN Tech, un successo oltre ogni aspettativa
Perchè i mercati sono controintuitivi

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

Commenti 9

 
Ospite - Gianmario beluffi il Domenica, 13 Aprile 2014 20:47

I mercati non possono piu essere considerati casuali dopo gli studi di Mandelbrot . Chi si ostina a sostenere il contrario ha buoni motivi commerciali per farlo. Ma non ha più alibi teorici.

I mercati non possono piu essere considerati casuali dopo gli studi di Mandelbrot . Chi si ostina a sostenere il contrario ha buoni motivi commerciali per farlo. Ma non ha più alibi teorici.
Daniele Bernardi il Giovedì, 17 Aprile 2014 00:13

Grazie Gianmario, concordo con il tuo punto di vista; aggiungerei che i motivi non sono solo commerciali ma anche tecnici, poichè la media e la varianza sono strumenti statistici utilizzabili solo presupponendo che gli andamenti siano aleatori e casuali

Grazie Gianmario, concordo con il tuo punto di vista; aggiungerei che i motivi non sono solo commerciali ma anche tecnici, poichè la media e la varianza sono strumenti statistici utilizzabili solo presupponendo che gli andamenti siano aleatori e casuali
Ospite - fabio cazzaniga il Domenica, 13 Aprile 2014 22:07

che i mercati finanziari seguano delle tendenze credo sia stato dimostrato in modo incontrovertibile da hurst altrettanto evidente e' il fatto che non siano prevedibili

che i mercati finanziari seguano delle tendenze credo sia stato dimostrato in modo incontrovertibile da hurst altrettanto evidente e' il fatto che non siano prevedibili
Daniele Bernardi il Giovedì, 17 Aprile 2014 00:11

Grazie Fabio del commento, in realtà sono in parte prevedibili, è questione di percentuali di successo e di relazioni statistiche deboli ma reali

Grazie Fabio del commento, in realtà sono in parte prevedibili, è questione di percentuali di successo e di relazioni statistiche deboli ma reali

Ill.mo Ingegnere, sarà per la mia modestissima cultura in merito ma alle “previsioni di successo” attraverso sofisticati procedimenti matematici non ci credo, come non credo ai “modelli deterministici” cui accenna in un suo post.
Un giorno di qualche anno fa, sul Sole 24 ore, in un articolo di W.Riolfi, ho letto che uno studioso di Borsa americano aveva trovato che i mercati sono condizionati da un centinaio di fattori. Ecco : quel tipo era sulla strada buona per capire gli andamenti di Borsa.
L’analisi scientifica è scomoda, per questo molti ricorrono alle formule matematiche.
Perché non segue l’ esempio di quel tipo e approfondisce quella ricerca ?
Cordiali saluti

Ill.mo Ingegnere, sarà per la mia modestissima cultura in merito ma alle “previsioni di successo” attraverso sofisticati procedimenti matematici non ci credo, come non credo ai “modelli deterministici” cui accenna in un suo post. Un giorno di qualche anno fa, sul Sole 24 ore, in un articolo di W.Riolfi, ho letto che uno studioso di Borsa americano aveva trovato che i mercati sono condizionati da un centinaio di fattori. Ecco : quel tipo era sulla strada buona per capire gli andamenti di Borsa. L’analisi scientifica è scomoda, per questo molti ricorrono alle formule matematiche. Perché non segue l’ esempio di quel tipo e approfondisce quella ricerca ? Cordiali saluti
Daniele Bernardi il Domenica, 20 Aprile 2014 21:09

Gentile Giuliano, quello che afferma non è tanto dissimile dalla mia visione dei mercati.
Affermare che i mercati finanziari sono deterministici significa dire che ci sono n variabili che ne influenzano l'andamento che quindi non è casuale, ma solo difficile da determinare.
Che queste variabili siano 10, 50 o 100 è meno importante, certo che se vengono considerati casuali non ha senso mettere in piedi nessun modello, ne semplice come cerchiamo di fare noi, ne sofisticato.
L'artico che cita non lo conosco, ha dei riferimenti più precisi? Grazie

Gentile Giuliano, quello che afferma non è tanto dissimile dalla mia visione dei mercati. Affermare che i mercati finanziari sono deterministici significa dire che ci sono n variabili che ne influenzano l'andamento che quindi non è casuale, ma solo difficile da determinare. Che queste variabili siano 10, 50 o 100 è meno importante, certo che se vengono considerati casuali non ha senso mettere in piedi nessun modello, ne semplice come cerchiamo di fare noi, ne sofisticato. L'artico che cita non lo conosco, ha dei riferimenti più precisi? Grazie
Ospite - giuliano galiardi il Lunedì, 21 Aprile 2014 00:08

Ingegnere, grazie per la risposta. Andare a cercare l'articolo a distanza di tempo diventa una impresa. Era su Finanza e Mercati nel puntuale commento alla Settimana finanziaria.
Comunque non c'era niente di più di una frase redatta in termini telegrafici.
Per quanto riguarda l' analisi dei mercati, per spiegarmi meglio, domani le invierò un quesito corredato da esempi reali sull' andamento di alcuni fondi.
Saluti

Ingegnere, grazie per la risposta. Andare a cercare l'articolo a distanza di tempo diventa una impresa. Era su Finanza e Mercati nel puntuale commento alla Settimana finanziaria. Comunque non c'era niente di più di una frase redatta in termini telegrafici. Per quanto riguarda l' analisi dei mercati, per spiegarmi meglio, domani le invierò un quesito corredato da esempi reali sull' andamento di alcuni fondi. Saluti
Ospite - giuliano galiardi il Lunedì, 21 Aprile 2014 14:32

Ingegnere abbia pazienza. - ho provato ad inviarle un file con allegato di excel utilizzando blog@diaman.it ma mi è tornato indietro - mi può fornire un indirizzo valido ? - grazie

Ingegnere abbia pazienza. - ho provato ad inviarle un file con allegato di excel utilizzando blog@diaman.it ma mi è tornato indietro - mi può fornire un indirizzo valido ? - grazie
Daniele Bernardi il Lunedì, 21 Aprile 2014 21:00

Lo spedisca a daniele@diaman.it grazie

Lo spedisca a daniele@diaman.it grazie
Già registrato? Login qui
Ospite
Mercoledì, 22 Novembre 2017

Immagine Captcha