Diaman Blog

Nel blog di Diaman opinioni a confronto sui temi della finanza nazionale ed internazionale.

Il mio nome è Bond, Corporate Bond!

Il mio nome è Bond, Corporate Bond!

Se è vero che il rendimento è proporzionale al rischio, nel caso di acquisto di un titolo obbligazionario il rendimento dovrebbe esprimere il rischio che ci stiamo assumendo.

E' così? credo proprio di no.

Lasciando perdere la distorsione del Bund tedesco di cui magari parlerò in altra occasione, sto parlando dei Corporate Bond Americani ed Europei che oggi esprimono valori che a mio avviso non rispecchiano assolutamente il grado di rischio che si assume un investitore nel momento in cui li acquista.

Iniziamo con ordine: per prima cosa vi spiego come si legge un grafico cosiddetto Box Plot:

...
Continua a leggere
4253 Visite
0 Commenti

Analizziamo la strategia Constant-Mix

Analizziamo la strategia Constant-Mix

Vi è mai capitato di dare per scontato alcune considerazioni, salvo rendervi conto che erano sbagliate una volta che avete approfondito il tema studiando a fondo invece di presumere?

A me è purtroppo capitato spesso: per esempio quando consideravo l'indice di Sharpe un ottimo indicatore di efficienza per valutare i fondi comuni; è un buon indicatore ma per utilizzarlo bene occorre conoscerne bene anche i difetti, e credetemi ne ha, come ho scritto nei paper Sharpe Ratio: i 4 difetti principali - parte 1 e Sharpe Ratio: i 4 difetti principali - parte 2.

Mi è capitato di nuovo di recente.

Continua a leggere
2455 Visite
0 Commenti

Obbligazioni subordinate, che pasticcio!

Obbligazioni subordinate, che pasticcio!

Sicuramente attirerò molti pareri contrari a quello che sto per dire.

E' profondamente sbagliato restituire i soldi agli investitori che hanno comprato delle obbligazioni subordinate e li hanno persi.

Contraddice il principio di chi sbaglia paga, un valore che stiamo perdendo e che invece è un punto cardine del vivere coerentemente tra le persone.

Mi dispiace molto per la persona che si è suicidata a causa dei soldi, è un dramma e non va dimenticato, però è un indicatore di quanto i soldi possano condizionare un'esistenza e quanto possano manipolare le nostre menti.

Sicuramente non avere più 100.000 euro è un brutto colpo, ma se li aveva accumulati negli anni, è perché non li aveva usati, e quindi non gli erano serviti per vivere, e quindi anche se con molto dispiacere di non averli più poteva continuare a vivere lo stesso.

Commenti recenti
Ospite — Valerio
Concordo in pieno Daniele. ..anzi al 1000 per mille...ciò detto, è già qualcosa che in Italia è stato fatto passare il principio c... Leggi tutto
Sabato, 19 Dicembre 2015 10:43
Ospite — Gurrieri Francesco
Quello che lei dice sarebbe condivisibile se le autorità di vigilanza avessero fatto il loro dovere. Il fatto grave è che il rispa... Leggi tutto
Sabato, 19 Dicembre 2015 11:11
Ospite — roberto
Ciao Daniele, l'articolo e' duro e largamente condivisibile, con qualche piccolo distinguo:Se uno ha 100k di risparmi sudati (e so... Leggi tutto
Sabato, 19 Dicembre 2015 13:59
Continua a leggere
2087 Visite
10 Commenti

L'importanza delle valutazioni indipendenti

L'importanza delle valutazioni indipendenti

Ad inizio anno avevo allertato i lettori del mio blog che quest'anno sarebbe stato molto pericoloso per le obbligazioni ed i fondi obbligazionari di conseguenza.

Chi ha voglia di rileggere il post Scusate se insisto noterà che avevo fatto un lavoro di analisi sui titoli obbligazionari che evidenziava che solo il 15% dei titoli obbligazionari americani avevano un rendimento superiore al 4%, ma solo l'uno percento dei titoli investment grade con duration inferiore ai 7 anni aveva un tale rendimento.

Oggi non è ancora scoppiata una vera crisi del credito, ma gli spread, soprattutto in America hanno iniziato ad allargarsi, con conseguente discesa dei prezzi.

Continua a leggere
2193 Visite
0 Commenti

il buon senso deve prevalere

il buon senso deve prevalere

Prima di scrivere questo articolo ho voluto analizzare bene i dati, per evitare di scrivere qualche inesattezza vista la delicatezza dell'argomento.

Nell'ultimo mese abbiamo assistito al primo segnale di quello che avverrà nei prossimi mesi o anni sul mercato obbligazionario. E' bastato che il Bund passasse da 160 a 152 circa per scatenare un terremoto che ha innescato un allargamento degli spread che ha colpito soprattutto chi aveva puntato sulle duration di portafoglio molto lunghe.

Continua a leggere
2854 Visite
0 Commenti

Il brevetto su iRating è stato concesso

Il brevetto su iRating è stato concesso

Chi lo avrebbe mai detto? nonostante lo scetticismo di molti, finalmente il nostro sistema di Rating numerico basato sulle probabilità di default, chiamato iRating, è stato brevettato e accettato dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Sono passati ormai due anni da quando abbiamo sottoposto la domanda di brevetto e proposto al mercato il nostro sistema di valutazione del merito di credito creato in collaborazione con Moody's Analytics, e quasi non ci speravamo più, invece a ciel sereno ecco arrivare l'accoglimento della nostra domanda.

Commenti recenti
Ospite — paolo truzzi
COMPLIMENTI! Buon lavoro e buona domenica! Paolo Truzzi
Sabato, 02 Maggio 2015 18:24
Ospite — Denis
Complimenti, il prossimo passo è la registrazione ESMA?
Domenica, 03 Maggio 2015 11:55
Daniele Bernardi
Grazie Paolo
Lunedì, 04 Maggio 2015 23:13
Continua a leggere
2524 Visite
4 Commenti