Diaman Blog

Nel blog di Diaman opinioni a confronto sui temi della finanza nazionale ed internazionale.

Sapete prevedere quando arriva un temporale sui mercati finanziari?

Sapete prevedere quando arriva un temporale sui mercati finanziari?

Abbiamo toccato i massimi di mercato? 

Il mercato azionario crescerà ancora oppure è il momento di prendere profitto dei guadagni degli ultimi anni?

Cosa conviene fare? Alleggerire? Aumentare l’esposizione? Disinvestire tutto?

Esiste un indicatore statistico che possa aiutare a fare scelte corrette di investimento?

permettetemi un raccontarvi la genesi del DISTRUPTION INDICATOR, in un era, il 2009, in cui il termine Disruption o Disruptive non era ancora utilizzato come viene utilizzato oggi soprattutto nel mondo delle start-up.

...
Commenti recenti
Ospite — MAURO PIZZINI
Interessante. Il segnale di entrata ed uscita avviene sul taglio con la sua media? Per eliminare i falsi segnali dovuti ad una fa... Leggi tutto
Sabato, 12 Agosto 2017 11:22
Daniele Bernardi
Ciao Mauro, il segnale è doppio, quando il DDI è sopra 100 come valore o sopra la media c'è un segnale di allerta; se sono entramb... Leggi tutto
Sabato, 12 Agosto 2017 17:50
Ospite — giuliano galiardi
Non vorrei disturbare troppo ma la curiosità è forte - Ill Ingegnere, mi può dire cosa segnala il DDI in questi giorni sull' azion... Leggi tutto
Domenica, 13 Agosto 2017 20:18
Continua a leggere
2901 Visite
4 Commenti

Market Timing VS Buy & Hold

Market Timing VS Buy & Hold

Ieri mattina, ho tenuto insieme all’amico Ruggero Bertelli una conferenza molto simpatica moderata da Maurizio Monti, AD di INVESTORS’ Magazine Italia, con il titolo “Match Play delle strategie di investimento” durante l’IT Forum a Rimini.

A parte la sala piena, con addirittura persone in piedi ad ascoltarci, la formula è stata molto divertente e credo che sia piaciuta anche al pubblico in sala.

OBBIETTIVO

Lo scopo era di selezionare due strategie di investimento, tra le otto proposte, che meglio si adatteranno secondo noi e il pubblico presente ai prossimi cinque anni di mercati finanziari.

A breve prepareremo un video dell’evento così potrete scoprire quali strategie hanno vinto, nel frattempo oggi vorrei ripercorrere con i lettori del blog, magari un poco più in dettaglio, il confronto tra Market Timing e Buy and Hold, tra chi professa la gestione attiva e chi professa la gestione passiva, tra il mondo dei practitioners che ogni giorno si confrontano con i mercati ed i clienti e l’accademia che invece professa la teoria.

...
Continua a leggere
2915 Visite
0 Commenti

La felicità è una questione di scelta

La felicità è una questione di scelta

Prendo a prestito il titolo dell'articolo uscito su INVESTORS' scritto dall'amico Ruggero Bertelli.

Nella vita di tutti i giorni, siamo chiamati a prendere decisioni in condizioni di incertezza, "è la scuola giusta per il figlio?", "è la moglie giusta per me?", sto scegliendo il lavoro migliore?", ecc...

Sempre nella vita non è possibile ex post verificare come sarebbe andata la nostra vita se avessimo compiuto una scelta diversa, non è possibile se abbiamo scelto un lavoro da dipendente, sapere come sarebbe andata se avessimo fatto gli imprenditori; abbiamo fatto quella scelta e ne subiamo le conseguenze, positive o negative che siano.

Gli investimenti finanziari invece, sono un settore, forse unico al mondo, dove è possibile simulare migliaia di volte il passato, per vedere quale soluzione ottimale si sarebbe potuta ottenere, scegliendo un titolo od un fondo diverso da quello che avevamo scelto in passato potendo osservare gli impatti che quella scelta avrebbe prodotto.

Continua a leggere
2944 Visite
0 Commenti

Perchè il TIMING porta valore aggiunto

Perchè il TIMING porta valore aggiunto

Fatalità dopo aver scritto il post della scorsa settimana I mercati azionari saliranno o scenderanno? i mercati finanziari hanno affrontato un lunedì nero, con la perdita media dei listini azionari di oltre il 3%; spero che i lettori non pensino che sia un "gufo"; comunque se analizziamo asetticamente quello che è successo questa settimana non c'è ancora da preoccuparsi, i mercati hanno semplicemente annullato i forti rialzi della settimana precedente e la volatilità non è ancora sopra i livelli di guardia.

Commenti recenti
Daniele Bernardi
Gentile Giuliano, probabilmente ha guardato la classe R, poiché essendo la classe I oltre 120, il fondo evidentemente ha reso di p... Leggi tutto
Sabato, 11 Luglio 2015 14:11
Ospite — giuliano
Ingegnere buongiorno. sono andato a vedere il grafico nel tempo del Trend Follower (bilanciato flessibile) in tre mesi ha perso il... Leggi tutto
Domenica, 05 Luglio 2015 08:39
Daniele Bernardi
Gentile Francesco, tocca un tasto dolente, poiché il prospetto è stato arenato in CSSF (la corrispondente della Consob in Lussembu... Leggi tutto
Sabato, 11 Luglio 2015 14:05
Continua a leggere
2140 Visite
4 Commenti

I mercati azionari saliranno o scenderanno?

I mercati azionari saliranno o scenderanno?

Il gatto dell'immagine sta salendo o scendendo le scale?

La domanda che spesso mi viene fatta è proprio il titolo del post di oggi: cosa faranno i mercati da qui a fine anno?

Io usualmente rispondo che ho creato dei modelli matematici proprio per non dover rispondere a queste domande, perché rispondere a queste domande è sempre perdente: se prevedi che salgono ed effettivamente salgono hai fatto semplicemente il tuo lavoro e lo avevano previsto praticamente tutti, se scendono e tu avevi previsto che sarebbero saliti, fai la figura del pirla; se prevedi che vadano male ed effettivamente vanno male sei un gufo del malaugurio (mi è successo nel 2008 quando avevo previsto la crisi dei mercati azionari) ed è quasi quasi colpa tua, se prevedi che andranno male ed invece vanno bene allora sei doppiamente pirla.

Come ho spiegato nel post Perchè i mercati sono controintuitivi, uno dei più letti del mio blog, in qualità di esseri umani e non divini, siamo soggetti a prendere decisioni per lo più in condizioni di incertezza; scegliamo la scuola dove studiare senza essere certi che sia la scelta giusta, scegliamo di sposarci senza sapere se sarà effettivamente l'amore della nostra vita (anche se ne siamo fermamente convinti ovviamente); decidiamo un lavoro piuttosto che un'altro sulla base di sensazioni, e decidiamo i nostri investimenti che determineranno il nostro benessere futuro sulla base di supposizioni: supponiamo che i mercati azionari saliranno.

Nulla di male, intendiamoci, ma l'importante è cercare di investire sulla base di considerazioni più coerenti e ragionate possibile, non presi dall'emozione o dalle sensazioni, o ancor peggio delle supposizioni, altrimenti stiamo giocando alla roulette e non investendo in borsa.

...
Commenti recenti
Daniele Bernardi
Gentile Giuliano, il problema per chi esegue l'analisi qualitativa dei bilanci delle aziende è proprio questo, i mercati si muovon... Leggi tutto
Sabato, 04 Luglio 2015 09:28
Ospite — giuliano
Egr. Ingegnere, oggi 29 giugno il FTSE MIB sta perdendo il 4,50% più o meno come il FTSE 100 più o meno come l'Asia . Gli asiatici... Leggi tutto
Lunedì, 29 Giugno 2015 10:51
Daniele Bernardi
Grazie Matteo, ha perfettamente ragione, d'altronde se fossimo tutti oggettivi e non sbagliassimo mai saremmo tutti ricchi, il che... Leggi tutto
Sabato, 04 Luglio 2015 09:30
Continua a leggere
2319 Visite
4 Commenti

Mea culpa, ma ora basta

Mea culpa, ma ora basta

Ebbene si, un mea culpa ci sta proprio bene, tre anni fa ho lanciato un fondo che oltre ad investire in titoli obbligazionari corporate ha come strategia di investimento la vendita di T-note Future e BUND future al fine di neutralizzare l'effetto Duration con lo scopo anche di poter guadagnare dal rialzo dei tassi di interesse.

Commenti recenti
Ospite — Davide
Ciao Daniele, c'è chi più famoso di te ha avuto idee che sembravano ottime e si sono rivelate sbagliate con il senno di poi, Mi ri... Leggi tutto
Domenica, 12 Ottobre 2014 09:23
Daniele Bernardi
Ciao Marco, ho creato e sto studiando modelli matematici proprio perché non ho la sfera di cristallo e perché preferisco che sia u... Leggi tutto
Domenica, 12 Ottobre 2014 18:07
Ospite — marco
Daniele è ampiamente condiviso quanto scrivi. Se ci pensi e te lo avevo detto anche in risposta ad un altro post, l'economia è dro... Leggi tutto
Domenica, 12 Ottobre 2014 09:31
Continua a leggere
2729 Visite
4 Commenti

Alcune considerazioni sul Drawdown

Alcune considerazioni sul Drawdown

Per molti dirò cose ovvie e scontate, ma sono convinto che ci siano molte persone che possono trarre grandi vantaggi dal leggere questo post.

Innanzitutto chiariamo il concetto di drawdown, che non è altro che la perdita massima subita nel tempo da un investitore che avesse investito in una qualsiasi asset class; tradotto in termini più tecnici è la differenza percentuale tra il massimo assoluto ottenuto dalla serie storica e il successivo punto con il valore minimo.

Commenti recenti
Ospite — Andrea Romei
Buongiorno Dottor Bernaridi, complimenti, leggo sempre con interesse quel che scrive. Questa volta devo farle un piccolo appunto.... Leggi tutto
Sabato, 13 Settembre 2014 15:48
Daniele Bernardi
Gentile Andrea, Ho visto prima il post su Linkedin... le ripeto la risposta: Il suo ragionamento non fa altro che confermare quel... Leggi tutto
Sabato, 13 Settembre 2014 18:27
Continua a leggere
5300 Visite
2 Commenti

Risk on - Risk off - ora è facile chiamarlo così

Risk on - Risk off - ora è facile chiamarlo così

Nel 2002, quando tra i primi in Italia ho introdotto una linea di gestione patrimoniale con il TIMING come caratteristica principale questa terminologia non esisteva e la parola TIMING oltre a non essere compresa veniva denigrata al massimo da quasi tutti gli operatori finanziari.

Per chi si ricorda quei tempi, venivamo da circa 20 anni di mercati (soprattutto quelli americani) di crescita quasi incondizionata, qualche piccola scossa come nel 1987 e nel 1998 ma complessivamente il 2001 era stato il vero primo anno negativo pesante, quindi per gli operatori fare timing non aveva senso.

All'epoca i modelli di markowitz o i nuovissimi Black e Littermann funzionavano molto bene, perché le correlazioni erano stabili, i rendimenti abbastanza costanti, quindi il premio per il rischio era ben quantificabile e pagava bene, tanto da indurre molte persone ad aumentare la loro propensione al rischio perché tanto veniva ben remunerato; ovviamente funzionavano bene guardando indietro, da quegli anni in poi in avanti sono stati un disastro...

Commenti recenti
Ospite — giuliano
mi sa tanto che il precedente commento non sia partito - lo ripeto - ingegnere scusi la mia ignoranza ma come si misura il risk di... Leggi tutto
Sabato, 30 Agosto 2014 16:18
Ospite — giuliano
grazie ingegnere, a me sembra di capire che questo metodo si possa riassumere nella frase "navigare a vista " con tanti saluti per... Leggi tutto
Sabato, 30 Agosto 2014 20:42
Daniele Bernardi
Gentile Giuliano, non si cambia modalità di misurazione del rischio in base alla posizione di un gestore. Mi spiego meglio, risk o... Leggi tutto
Sabato, 30 Agosto 2014 18:22
Continua a leggere
3385 Visite
5 Commenti

la falsa illusione che i rendimenti nel tempo convergano

la falsa illusione che i rendimenti nel tempo convergano

Anni fa girava tra gli esperti di investimenti uno studio di una notissima casa di investimento americana che cercava di spiegare come con il passare degli anni i rendimenti degli investimenti finanziari a lungo termine convergessero verso la media.

Ricordo che prendeva in esame il periodo 1972-2001, trent'anni in cui secondo questo studio investire nel miglior momento del 1972, nel peggior momento del 1972, all'inizio dell'anno o alla fine dell'anno portava a differenze di rendimento medio annuo trascurabili secondo quello studio; (se non ricordo male il rendimento era compreso tra il 15,1% e il 15,7%, altri tempi per i mercati finanziari).

Commenti recenti
Ospite — galiardi giuliano
Oggi il rendimento medio annuale dello S&P è molto elevato - c'è da attendersi una correzione cospicua - l'ultima grande correzion... Leggi tutto
Domenica, 04 Maggio 2014 19:19
Daniele Bernardi
Caro Giuliano, non è vietato investire, però bisogna stare attenti, in quanto le probabilità di crescita ovviamente diventano mino... Leggi tutto
Domenica, 04 Maggio 2014 21:08
Daniele Bernardi
Grazie Paolo dei complimenti, spero, ma anche credo che le finestre temporali di investimento saranno molto gradite e utili DB
Martedì, 06 Maggio 2014 15:50
Continua a leggere
3381 Visite
4 Commenti

Strategia di TIMING con il DIAMAN Ratio

Strategia di TIMING con il DIAMAN Ratio

Chi ci conosce è perfattamente consapevole che noi effettuiamo il TIMING da oltre 12 anni con successo.

Il TIMING è quell'attività svolta da un investitore o un gestore volta a scegliere il momento di entrata ed uscita dai mercati finanziari. Tutti, ma proprio tutti eseguono consapevolmente o inconsapevolmente il TIMING nei propri investimenti, e se sentite un gestore che sostiene che lui non effettua timing nei suoi investimenti, non contestatelo ma diffidate da lui, poichè significa due possibilità: che non ha ancora capito come funzionano gli investimenti oppure non è onesto in quello che dice, in entrambi i casi è meglio non affidargli i propri soldi...

Commenti recenti
Ospite — Michele
Buongiorno Daniele, guardando il grafico si evince che il timing è tutto anche nella scelta della strategia... Dal 2011 il timing ... Leggi tutto
Martedì, 10 Maggio 2016 12:15
Daniele Bernardi
Buongiorno Michele, fare timing significa proprio questo, pagare piccole somme in fase di trend positivo e fase laterale, ma benef... Leggi tutto
Martedì, 10 Maggio 2016 12:26
Continua a leggere
4596 Visite
2 Commenti